Notizie

Viva il motociclismo paralimpico: Bura Racing Team alla Octo Bridgestone Cup

“Una gara strepitosa, forte, veloce, lunghissima”. Non trattiene l’emozione Maximilian Sontacchi, pilota paraplegico padovano ora residente nel bolognese, al termine della seconda delle tre prove del campionato italiano riservato ai piloti diversamente abili (ma non diversamente piloti) Octo Bridgestone Cup.

Dopo il quarto tempo a Vallelunga, Max si conferma quarto anche sul circuito Tazio Nuvolari di Pavia, scavalcando gli avversari diretti con i quali si era confrontato nella prima delle due tappe. Per questo motivo, conti alla mano, il pilota paraplegico a settembre per il terzo ed ultimo appuntamento si giocherà il campionato!

Un grandissimo risultato, quando si ha a che fare con grandi difficoltà. Ma soprattutto un grandissimo risultato merito di una squadra che è più una famiglia e del sostegno dei tanti preziosi sponsor e supporti tecnici che in maniera tanto sportiva quanto solidale hanno a cuore il progetto e il sogno di Max: quello di correre ancora in moto nonostante la grave disabilità e di aiutare altri piloti a superare le difficoltà per correre sulle due ruote.

Quest’anno infatti Max ha accolto in squadra, nel Bura Racing Team, un secondo pilota, David Preziosi, che ha partecipato positivamente alla Octo Bridgestone Cup terminando in dodicesima posizione.

Ma tornando a Max: “Sono e siamo davvero felici di come è andato il weekend – racconta –. Sono andato davvero forte per gran parte della gara, ero in seconda posizione stabile. Poi purtroppo mi si è staccata una gamba dalla moto ed ho dovuto rallentare per la mia sicurezza e per riuscire a portare a casa il risultato. Ma nonostante tutto è stato davvero bello e sono soddisfatto di gara e campionato”.

Il campionato non finisce qui, come nemmeno la stagione motociclistica di Max e del Bura Racing Team. In attesa dell’ultima tappa a settembre, sul circuito di Magione, continuano infatti gli allenamenti, le giornate in pista e i corsi del progetto Ri-Mettiamoci in Moto per portare di nuovo in pista altri grandi appassionati come lui, nonostante le difficoltà!